sabato 31 dicembre 2011

Mario Bresciani - Marbre Art, augura a tutti.. Buon anno..!!!

"Non penso mai al futuro: arriva così presto!" 

(Albert Einstein)



Immagine dal web.


Poi s'aggiunga anche questo saggio antico pensiero..


Immagine dal web.

venerdì 23 dicembre 2011


Filastrocca di Natale - Gianni Rodari


Un abete speciale
Quest'anno mi voglio fare
un albero di Natale
di tipo speciale,
ma bello veramente.
Non lo farò in tinello,
lo farò nella mente,
con centomila rami
e un miliardo di lampadine,
e tutti i doni
che non stanno nelle vetrine.
Un raggio di sole
per il passero che trema,
un ciuffo di viole
per il prato gelato,
un aumento di pensione
per il vecchio pensionato.
E poi giochi,
giocattoli, balocchi
quanti ne puoi contare
a spalancare gli occhi:
un milione, cento milioni
di bellissimi doni
per quei bambini
che non ebbero mai
un regalo di Natale,
e per loro ogni giorno
all’altro è uguale,
e non è mai festa.
Perché se un bimbo
resta senza niente,
anche uno solo, piccolo,
che piangere non si sente,
Natale è tutto sbagliato.

(Filastrocca di Natale di Gianni Rodari “ Filastrocche in cielo e in terra”)

© Illustrazione Mario Bresciani - Marbre Art

Un buon Natale a tutti gli amici lettori del mio blog.

Merry Christmas and happy 2012
Feliz Navidad y un feliz 2012
Joyeux Noël et Bonne 2012

domenica 18 dicembre 2011

Long time ago..


Eccomi nel 1984, mentre con Doc contrattavo l'acquisto della macchina DeLorean DMC-12 usata pochi giorni prima per girare "Back to the future", ma ancora in buone condizioni.


Il frettoloso acquisto, (Doc.. non aveva tempo..), purtroppo non avvenne perché l'amico Bob Zemeckis mi disse che forse poteva servirgli ancora per girare il sequel del film.


Tornato in Italia, optai quindi per una Fiat 126 usata solo da pochi decenni. 
Si dimostrò a tutti gli effetti un vero affare.. l'onestissimo venditore mi fece il pieno con lo sconto, il ché raddoppiò istantaneamente il valore dell'auto.


Certo, non aveva il flusso canalizzatore.. ma consumava molto meno benzina e più olio..


Mario Bresciani & Emmett Brown "Doc" - Universal Studios California

sabato 3 dicembre 2011

Ancora poco..


.. e sapremo cosa ci aspetta con la manovra del nuovo governo tecnico definita "lacrime e sangue".
Al neo-premier Mario Monti spetterà il compito ingrato di fare il lavoro sporco che i partiti e le loro lobbies di elettori, non hanno mai avuto il coraggio di proporre. 

Purtroppo assisteremo alla solita scena litigiosissima per discutere su come, dove e quando, chi dovrà dare di più e chi dovrà dare di meno.
Nel frattempo si sprecano fiumi di parole del tipo: Equità, Emergenza, Elusione, Diritti acquisiti, Recessione, Crisi dell'euro e chi più ne ha più ne metta.

Ognuno porterà le proprie ragioni: che ci sono persone più garantite e altre più discriminate, che ha più diritto Tizio piuttosto che Caio, che si è già pagato troppo senza aver nulla in cambio, ecc. ecc.

Su di una cosa, almeno tutti, sono d'accordo..
Che comunque a pagare siano.. "Gli altri".

Ma chi sono "Gli altri" ?


Ho trovato in rete un intelligente vignetta che rappresenta i più..  :-D



Valeriu Kurtu - Moldova


domenica 23 ottobre 2011

Dubbi..


Sono arrivato al settimo livello di stratificazione di fogli, libri, disegni, appunti ecc. sulla mia scrivania.


Non so se, interpretare questo evento attraverso qualche simbologia biblico-esoterica.. 


O rimettere un po' in ordine.. 



venerdì 7 ottobre 2011

Cassapanca

Una mia recente realizzazione.


Costruita partendo dall'acquisto del legname in abete grezzo, fino alla patinatura con cera d'api e bitume.


Una libera interpretazione manierista sul modello di una cassapanca settecentesca, ispirata da una foto fatta dall'amica Silvia.


Non mi stancherò mai di ripetere che c'è sempre qualcosa di magico e stupefacente nell'arte..
(Anche, come in questo caso, "arte" classica applicata).

Mi piace creare, da pochi materiali poveri, qualcosa di bello e ricco..
Ciò mi consente, negli anni e con pochi soldi, di possedere per qualche tempo manufatti di pregio che custodisco con orgoglio nel mio laboratorio..


Un giorno partirà, tramite un occasionale commerciante o acquirente, per qualche villa o palazzo..


A dimora.. e in bella mostra, sotto un portico o all'interno di un salone nobile per gli anni a venire..


Piccola storia del destino delle cose.


Realizzazione Mario Bresciani: www.mariobresciani-marbreart.com

sabato 17 settembre 2011

Non solo..

Nonsolomoda è un programma di successo in onda dal 1983 sulle reti Mediaset.. fin qui nulla di particolare, se non per il "danno" che negli anni ha creato il titolo di questa trasmissione..
Chiunque avrà notato passeggiando per le nostre città almeno un paio di insegne di attività commerciali che nella loro grafica fanno riferimento al titolo di questo fortunato e longevo programma televisivo.
Nonsolomamma, Nonsolosport, Nonsoloscuola, Nonsolofumetti.. ecc. ecc. Basta digitare su Google "Non solo.." e appaiono centinaia di nomi del genere tra i più fantasiosi e creativi.


Il bello della fantasia è che non ha mai limiti, anche se poi si cade miseramente nel banale.


Ieri su un furgone di un idraulico fermo in un parcheggio del centro ho letto la scritta: "Nonsolotubi"


Potrei dire che mi son messo letteralmente.. 


"NONSOLOARIDERE".







domenica 24 luglio 2011

Pensavo..

 L'immagine più noiosa, personalmente, che spesso ho visto..
 è un uomo che pesca sulla riva di un lago. 
Ore e ore ad aspettare che qualcosa abbocchi ma nulla nel nulla.. e le ore passano.


In seguito sono riuscito a vedere qualcosa di ancor più noioso..
Un uomo che guarda in silenzio un pescatore sulla riva di un lago..
Ore e ore in attesa di vedere l'uomo con un pesce attaccato all'amo.. ma nulla nel nulla.. e le ore passano inesorabili.


Ma oggi mi sono dovuto ricredere..


Esiste qualcosa di inverosimilmente, per me, più noioso di qualsiasi altra cosa..


Ho visto un uomo guardare in silenzio l'uomo che guarda in silenzio il pescatore sulla riva di un lago..


Quanto silenzio..!!! 


E il tempo passa.. e se ne va per sempre.

Il pescatore silente. Foto di Lanfranco Randi

sabato 9 luglio 2011

sabato 25 giugno 2011

Chiunque..

..teme qualcosa.. 
E qualcuno potrebbe servirsene contro di noi..

Foto tratta dal web

venerdì 27 maggio 2011

Mi si chiedeva della luce.. e la luce fu..!

Una mia affezionata cliente, proprietaria di una boutique di alta moda, mi chiese alcuni mesi orsono di proporle alcune idee per un pannello decorativo da collocare nel suo nuovo negozio di imminente apertura.
Questa decorazione doveva essere posizionata nella parete interna del portico antistante le vetrine, con le seguenti caratteristiche: Conferire luminosità e colore al porticato e alle vetrine, nonchè contenere il nome del negozio, possibilmente utilizzando modelli o riferimenti classici. 
D'obbligo l'eleganza estetica, ma anche nel contempo, essere un motivo di attrazione visiva per clienti o visitatori di passaggio. 
Ovviamente senza spendere una fortuna..
Pensai subito di realizzare una vetrata trompe l'oeil, otticamente molto luminosa e sopratutto in linea con lo stile del negozio/galleria.
Detto, fatto, approvato.. 
Una volta preparato il legno con i prodotti di fondo più adatti, mi apprestai a decorare il pannello con colori acrilici tinta piena e velature in trasparenza, attraverso un disegno molto lineare con ornati stilizzati e semplici geometrie. 
Veloce realizzazione, costi contenuti e rispetto dei tempi di consegna. 
Risultato.. cliente pienamente soddisfatta.

Pannello in multistrato, decorato in stile finta vetrata


Bordatura in nero delle campiture, ad imitazione del piombo delle vetrate artistiche

Posizionamento in loco, patinatura e laccatura lucida finale

Al perimetro del pannello verrà applicata una piccola cornice in mogano

giovedì 5 maggio 2011

La donna della cascata

Giovinezza e vecchiaia.. mentre l'acqua e il tempo scorrono inesorabili.
Ma basta solo saper osservare..



lunedì 25 aprile 2011

Pasqua 2011

Allegato agli auguri di buona Pasqua e Pasquetta per tutti gli amici lettori. 
Un fantastico disegno, di appena trentaquattro anni fa, creato da quel gran pezzo di genio di Jacovitti.



sabato 9 aprile 2011

L'appuntamento con il tempo.

.. Conoscevo perfettamente il "cosa" e il "quando", ma mi mancava maledettamente il "dove".


Tra le mie mani tormentavo un foglietto di carta con una scritta e dei numeri. "Sarcophagus/Scacchi 6 04". 
Ma era l'ansia che non mi faceva riflettere..  cresceva rapida nello stomaco. E la sensazione di non arrivare in tempo si materializzava inesorabilmente.
Arrivare il 7 04 sarebbe stato fuori dal tempo.. questo lo sapevo bene.


Da troppi mesi non avevo più notizie di E-Genius, per questo mi recai a casa sua nella speranza di trovare qualche spunto o punto di partenza per cercare di capire cos'era accaduto, cosa stesse accadendo, nella speranza di capire cosa sarebbe potuto accadere di lì a poco. 
La stanza era immersa nella penombra, effluvi d'umido e di muffa non desiderati s'insinuavano nelle mie narici tra il più completo disordine di fogli da disegno, dipinti e libri.. tutto polverosamente normale  pensai, ma il mio sguardo fu attratto subito da un.. volumetto, appoggiato accuratamente su un mobile vicino a una porta socchiusa. 
Tra le pagine ingiallite sbucavano un paio di vecchi occhiali da vista utilizzati a mo' di segnalibro.
No.. troppo facile..! Simbolicamente poteva senza dubbio significare, "Leggi queste pagine". Troppo banale per essere un messaggio intelligibile, chiunque l'avrebbe facilmente scoperto.
Mi avvicinai lentamente verso la parete, aprii il volumetto alle pagine segnalate dagli occhiali.. ma.. le pagine erano bianche.
Certo.. naturalmente.. lo sapevo.. ma con ancora il libro tra le mani alzando lo sguardo, osservai nello spiraglio della porta che avevo di fronte e mi apparve questo..  




Entrai.. avevo scoperto il "Cosa"..


To be continued..

lunedì 14 marzo 2011

L'arte del fumetto..

Milano, sabato 12 marzo 2011 - Cartoomics


Partecipare a questi eventi mi trasmette sempre tanta energia. 
Gli occhi e la mente assimilano senza sosta preziosa creatività ad ogni stand. 
Tanta gente di ogni età in quel di Milano, a testimoniare con la propria presenza, in veste di visitatori o di operatori del settore, la vera passione per il fumetto. 
Fumetto.. questa strana parola all'interno della quale prendono vita vere e proprie espressioni artistiche e culturali, che spaziano liberamente dalla letteratura alla poesia.. tra pittura, scultura e disegno. 
Donne, uomini e tanti ragazzi, attratti da questo universo fantastico, che durante questi appuntamenti si ritrovano per trascorrere una giornata in felice compagnia dei loro miti, principesse ed eroi.


Personalmente ho avuto il piacere di incontrare la bravissima Laura Scarpa che da anni seguo con ammirazione nei suoi scritti e nella sua arte.. 
Un sorriso, una stretta di mano, tra due chiacchiere sulla nostra passione comune e un disegno acquerellato con dedica.


Piccole cose si.. forse..! 


Ma vissute con tanto amore.



Laura Scarpa - Mario Bresciani



Laura Scarpa, China acquerellata con dedica personale.
Creato al Cartoomics 2011 Milano.
Pagina interna al libro di Laura Scarpa "
Disegnare Dylan Dog"  Coniglio Editore.

martedì 8 marzo 2011

L'arte sequenziale..

Sto leggendo in questi giorni, nei pochissimi ritagli di tempo che fortunatamente riesco a "ritagliarmi" ultimamente, le ristampe del fumetto Alan Ford..
Ho saputo che che il primo numero uscì nel mese di maggio del 1969 ma io iniziai a conoscerlo, ed acquistarlo, intorno agli anni 71/72.
Possedevo oltre cento numeri delle prime edizioni originali, poi andati perduti negli anni successivi.. (Grrrr..!)
Incredibile..! è stato come un viaggio a ritroso nel tempo attraverso la memoria. 
Rivedere le limpide e curate immagini in china, rileggere le battute dopo quasi quarant'anni.. quando all'epoca si acquistavano in edicola i primi numeri di questi volumetti sapientemente disegnati dal grande Magnus.. e sceneggiati da Max Bunker.. E' stata una sensazione indescrivibile.. All'improvviso mi sono tornate in mente rapidissime colorate sequenze fotografiche della mia adolescenza, profumi, sagome di compagni di giochi per la strada. 
Un vortice pazzesco di ricordi, attimi vissuti e sensazioni quasi palpabili di quando, rubando un po di tempo alla scuola, si rideva con gli amici attraverso le battute di questi nuovi personaggi che magicamente prendevano vita tra quelle pagine.
Si leggeva tutto d'un fiato il fumetto.. per poi prendere carta, matita e pennino cercando di imitarne i disegni facendo a gara per vedere chi fosse il più bravo.. Per poi attendere con ansia l'uscita del numero successivo e ricominciare la sfida..
Primi passi nel mondo dell'arte..
 
Si..! Perchè anche questa è arte..!




Mario Bresciani - Lucca comics 2010

domenica 20 febbraio 2011

Chi mi conosce sa..

Chi mi conosce sa.. 
Che torno indietro, sulla mia strada, solo se mi ritrovo ancora nei paraggi.


Chi mi conosce sa.. 
Che fuori dal giro, sulla mia strada, vedo solo nuovi orizzonti.


Chi mi conosce sa.. 
Che, sulla mia strada, se mi fermo per qualcosa o qualcuno..
Vuol dire che ne vale veramente la pena.


Ci sono poi quelli che credono di conoscermi e pensano di sapere.. 


Mi spiace.. loro non sono sulla mia strada.


Mario Bresciani



martedì 25 gennaio 2011

La pipa..


Paradosso di Trischmann
Una pipa dà al saggio tempo per riflettere,
all'idiota qualcosa da mettere in bocca.

René Magritte

sabato 22 gennaio 2011

Diversamente reale..

Quando Michelangelo, poco dopo il suo ritorno a Firenze da Bologna nel 1495, fece il "Cupìdo dormiente",  http://it.wikipedia.org/cupido_dormiente , ora perduto, il suo mecenate Lorenzo di Pier Francesco de' Medici fu tanto colpito dalla maniera "antica" dell'opera da promettere a Michelangelo che "se tu l'acconciassi, che paresse stato sotto terra, io lo manderei a Roma, e passerebbe per antico, e molto meglio lo venderesti".
Michelangelo acconsentì volentieri.


A. Condivi. Vita di Michelangelo pubblicata nel 1553 sotto la supervisione del maestro.


Tintoretto, Vulcano che sorprende Venere e Marte, forse il Cupido di Michelangelo




martedì 4 gennaio 2011

Curiosità sul film "Ritorno al futuro" di Robert Zemeckis

Inizialmente, lo script di Bob Gale e Robert Zemeckis fu rifiutato pressoché da tutti gli studios cinematografici: all'epoca le commedie "giovanili" in voga erano tutte sulla falsariga di Animal House e Porky's, e le major reputavano Ritorno al futuro un film "troppo poco volgare" per attrarre il grande pubblico. Viceversa, l'unico studio che avrebbe potuto produrlo, la Disney, trovò che le implicazioni riguardanti un possibile incesto nel passato tra Marty, il giovane protagonista, e la madre da ragazza, avrebbero danneggiato il nome dell'azienda.


Quando l'auto torna da un viaggio temporale con la carrozzeria ghiacciata cita il fatto che nella sceneggiatura iniziale la macchina del tempo era costruita con un frigorifero. Si pensò poi di utilizzare un'automobile per evitare che i ragazzini si chiudessero dentro i frigoriferi dopo aver visto il film.


Quando Marty torna nel 1985 e va a tentare di salvare Doc si può notare che il parcheggio non si chiama più "Twin Pines Mall" ma "Lone Pine Mall", visto che nel passato uno dei due pini nella fattoria l'ha buttato giù passando con la macchina.


Il congegno in cui Marty infila la spina della chitarra nel laboratorio di Doc, è etichettato "CRM 114". Un riferimento a due film di Stanley Kubrick: è il nome del decodificatore di messaggi di B-52 del film "Il dottor Stranamore" ed è il numero di serie di Discovery in 2001 "Odissea nello spazio".


Il nome del personaggio di Doc (Emmett) viene dalla parola "time" (tempo), con spelling inverso e pronunciata per sillabe (em-it). 


Il liceo di Hill Valley è la Whittier High School a Whittier, in California appena fuori da Los Angeles. E' la scuola frequentata da Richard Nixon.

Il generatore di fusione "Mr. Fusion" è un macina caffè prodotto dalla Krups.



Christopher Lloyd e Michael J. Fox.   (www.ritornoalfuturo.it)

Related Posts with Thumbnails